Home

Mi presento

Attività e programmi

News

Attività didattiche

Contatti

Link

 




 

 

itinerari

 

 

 

 

Dal Vulture al Parco Nazionale del Pollino - toccando il capoluogo di Regione e le Dolomiti Lucane

 

L’intensa attività eruttiva del Vulture nel Quaternario ha generato l’attuale configurazione morfologica del settore nord-ovest della Basilicata, caratterizzato da un paesaggio vario e suggestivo, dalla vegetazione rigogliosa ed produzioni rinomate (Vini, Oli e due bacini idrominerari). Incastonati alle falde del massiccio due laghi di Monticchio, che occupano i crateri del cono vulcanico.

Il capoluogo di Regione più elevato d’Italia circondato da amene vette boscose, offre la possibilità di visitare interessanti aree archeologiche nei dintorni.

Il Parco delle Dolomiti lucane racchiude in paesaggi di suggestiva bellezza: caratteri geomorfologici unici, rocce di arenaria che ricordano i picchi dolomitici, flora e fauna di estremo interesse.
Il Parco Nazionale del Pollino presenta un ambiente di indescrivibile bellezza con una spiccata biodiversità lungo le fasce altitudinali: dalla macchia mediterranea alle vette che superano i 2.000 metri, caratterizzate da pascoli d’altitudine. Il simbolo del Parco è il pino loricato, una pianta endemica.

 

 

 

 

Programma

 

1° giorno

Venosa

Arrivo in Basilicata, sistemazione in albergo

 

2° giorno

Partenza per Venosa - visita alle testimonianze dell’importante colonia romana posta sull’antica Via Appia: il Parco archeologico, l’Abbazia della Trinità e l’Incompiuta, il centro storico, che conserva l’antico impianto stradale, la Cattedrale e la “casa di Orazio”
Pausa pranzo
Nel pomeriggio: visita ad un laboratorio di Ceramica e ad una Cantina Vitivinicola di produzione dell’Aglianico, il vino D.O.C. lucano

 

     3° giorno

 

laghi di Monticchio

Partenza per Monticchio Laghi; nello splendido scenario del monte Vulture si effettua una breve passeggiata nei boschi che diedero rifugio ai briganti… un comodo sentiero costeggia il lago “piccolo” e conduce all’Abbazia benedettina di San Michele Arcangelo, da dove si può ammirare uno spettacolare panorama
Pausa pranzo
Nel pomeriggio visita ad uno Stabilimento d’imbottigliamento delle Acque minerali

 

4° giorno

Melfi

Partenza per Melfi - la cittadina federiciana caratterizzata da un impianto urbanistico di tipo medievale, dove si visita la Cattedrale in stile barocco, che conserva il campanile normanno e il Castello, dove è allestito il Museo Nazionale Archeologico
Pranzo in Azienda Agrituristica
Nel pomeriggio
* visita alle attività aziendali: gli animali della fattoria, l’orto, le arnie e i laboratori di trasformazione dei prodotti

* oppure trasferimento a Ripacandida e visita al Santuario di San Donato

 

     5° giorno

 

castello di Lagopesole

Partenza per Acerenza - visita alla superba Cattedrale romanica dedicata a San Canio, che sorge sul punto più elevato della cittadina
Pausa pranzo
Trasferimento a Lagopesole, il piccolo borgo con l’imponente castello di caccia dell’imperatore Federico II di Svevia, che domina la Valle di Vitalba e dove egli scrisse il trattato sull’arte di cacciare con il falcone

 

6° giorno

scorcio della città di Potenza

Serra San Bernardo (Vaglio di Basilicata) - un’altura che domina la Valle del Basento e conserva la poderosa cinta muraria del sito indigeno lucano del IV sec. a.C. e la casa dei Pithoi, un esperimento di ricostruzione di un edificio con le tecniche del periodo.
Pausa pranzo
Nel pomeriggio: Potenza, capoluogo di Regione più elevato d’Italia; si visita il Museo Nazionale Archeologico di Basilicata ed Centro Storico, percorrendo vicoli e tortuose stradine si toccano le Piazze, le Chiese ed i Palazzi nobiliari, fino ai resti dell’antico Castello

 

      7° giorno

 

Castelmezzano

Partenza per le Dolomiti lucane - Nel cuore del parco regionale si effettua una breve passeggiata tra le antiche mura dell'insediamento lucano risalente al IV sec. a.C. nella Riserva Antropologica di monte Croccia
Pausa pranzo
Nel pomeriggio trasferimento a Pietrapertosa, si attraversa il caratteristico borgo scavato nella roccia fino ai ruderi del castello, con panorama mozzafiato; visita alla chiesa di San Giacomo

 

8° giorno

costa di Maratea

Partenza per Maratea – visita al monte San Biagio e alla statua del Redentore con un panorama mozzafiato sulle insenature della costa.
A piedi si scende in paese lungo un sentiero lastricato e si visita il centro storico dall'impianto medievale con i caratteristici vicoli strettissimi e le numerose Chiese
Pausa pranzo
Trasferimento e visita al centro storico e le botteghe artigiane di Rivello

 

     9° giorno

 

Belvedere di malvento

Escursione nel “cuore” del Parco del Pollino (accesso dall’autostrada SA RC Campotenese), breve passeggiata da Piano Ruggio al Belvedere del Malvento, dove si possono ammirare alcuni esemplari del pinus leucodermis
Pausa pranzo
Trasferimento a Rotonda sede dell’Ente Parco
passeggiata nel centro storico con gli splendidi portali e visita al piccolo museo, dove sono esposti i resti dell'Elephas Antiquus Italicus

 

10° giorno

costumi tipici albanesi

Partenza per Civita - passeggiata nella caratteristica Comunità di origine Arbereshe (Cifti), che si affaccia sul canyon del Raganello e visita al museo Etnografico
Pausa pranzo
Trasferimento a Morano Calabro e visita al centro Naturalistico, dove sono ricostruiti tutti gli Ecosistemi del Parco o al museo della Pastorizia, raccolta degli attrezzi degli antichi mestieri

 

 

 

 Fine dei servizi - Partenza per il rientro

 

 

 

tel. e fax 0971 282228 - cell. 349 2643356 - email: alba@giro-vagando.it